About Luigi

Luigi Vitale, è nato in Sicilia e vive tra Gorizia e Torino.  Ha realizzato reportage su commissione per più di 20 testate italiane e straniere in oltre 50 paesi tra Asia, Africa, Europa e Americhe.

Il suo interesse verso le culture e la sua espressione artistica, lo inducono a documentare la vita. Con la fotografia, “iconizzare la straordinaria normalità” di uomini, donne, bambini: espressioni viventi di civiltà spesso “in via di estinzione”, schiacciate dall’urgenza della modernizzazione, minacciate dall’omologazione della globalizzazione, in bilico fra svuotamento dell’identità e radicalizzazione dell’alterità.

Civiltà che devono fare i conti con la “contaminazione” di valori e stili di vita. Costretti a cambiare, per non disintegrarsi.

I ritratti di Luigi Vitale sono poeticamente scolpiti con bianchi e neri “assoluti”, perentori e appassionati. L’autore rifugge dalla tentazione di “toccare il cuore” pescando in situazioni truculente o tragedie da telegiornale. Il dolore e il dramma sono purtroppo molto “fotogenici”. Più difficile, invece, è emozionare immortalando la “straordinaria normalità” delle persone. 

In questo modo, il fotoreporter compie un “affondo” antropologico nel cuore di paesi vicini e lontani. Raccontando storie con delicatezze e decisione.

Ciò che affascina delle immagini di Luigi Vitale, fotoreporter e artista, visionario e concreto,  è la capacità di cogliere la “storia giornalistica” e al tempo stesso ritrarre con un robusto filtro poetico l’ambiguità della realtà senza mai scadere nel voyeurismo fine a sé stesso.